Cerca
  • Paola Samadhi

Perché sono qui, ora.

Aggiornamento: 11 apr 2019


“L’essenziale è invisibile agli occhi.

Non si vede bene che con il cuore”

Il piccolo Principe


L’aver attraversato molti anni della mia vita nella sofferenza, causata da abusi, lutti, malattie, mi ha portato a ricercare disperatamente e ostinatamente le soluzioni per uscire fuori dal dolore e trovare quiete. Ho cercato dentro me, nei miei ricordi, nelle mie esperienze, nei miei traumi. Ho incontrato paure, difese, blocchi e baratri. Una ricerca di anni e anni.

Fino al giorno in cui ho sentito fortemente che tutto era solo una proiezione della mia mente e che la mia mente creava la mia realtà, creava una matrix. Ho sentito che ero esattamente come in un film, nel quale non ero solo un’attrice ma anche regista e ho sentito forte che c’è molto, molto di più di tutto questo. Ho percepito che il mio Sé non era solo nella visione materica della matrix e che la matrix stessa è solo il luogo in cui la mia anima fa esperienza.

Ma la mia essenza è vibrazione, è amore, è anima.

Quel giorno ho capito che ogni volta che qualcuno mi ferisce, non fa altro che mostrarmi qualcosa di me che ancora non sono stata capace di accogliere. Ogni volta che sento la ferita del rifiuto, è perchè dentro me c’è il rifiuto, se non mi appartenesse non lo sentirei. Tutto è in me. L’altro, il nemico che mi ferisce, in realtà mi sta mostrando qualcosa di me. Tutto mi parla di me.

Quel giorno ho sentito che non c’è nulla da guarire, è già tutto perfetto, c’è solo da accogliere e amare, accogliersi e amarsi incondizionatamente.

La cosa da fare non è cambiare, ma essere, tornare semplicemente ad essere Essenza. Perché l’Essenza di ognuno di noi è puro amore.

Aprirsi all’Amore, questo cura. Non c’è altro da fare, amare, amare incondizionatamente, con Fede e Fiducia. Là dove Fede significa agire in sintonia con il progetto Divino il progetto dell’Anima, non è (solo) credere, ma cooperare con il disegno Divino. E la Fiducia è la proiezione della mente su qualcosa o qualcuno che ti aiuti perché tale disegno si compia.


Nel mio percorso di ricerca ho accumulato conoscenze e soprattutto la consapevolezza che non c’è nulla di più bello e armonizzante nella vita che donarsi e restituire al mondo quanto di più bello ho ricevuto, con gratitudine profonda.

Per questo, qui e ora, voglio essere nella relazione d’aiuto.


Paola


(Tratto dalla mia tesi d'esame in Counseling relazionale)

226 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti